Arte in cucina con Soup Opera.

Passione per la cucina e le arti visive muovono il progetto Soup Opera ideato da Paola Buzzini, professionista nel campo dell’arte contemporanea e “cuciniera dell’arte”, così ama definirsi.

Soup Opera è  un omaggio alla creatività di Christophe Barrier e Frèdèric Clemencon, che negli anni novanta inventarono in Francia un programma per bambini, Soup Opera. Nel format ortaggi e frutti prendevano vita grazie alla stop motion animation. Il nome racchiudedue concetti che appartengonoal mondo della cucina e dell’arte: il metodo e la ricerca.

Due mondi si incontrano a tavola e si scambiano un’esperienza, un’avventura, un ricordo e per gioco immaginano cosa cucinerebbe l’artista.

La ricetta è semplice: un artista, uno spazio espositivo accogliente, una dose di creatività e una creazione culinaria che rievoca le opere in mostra. Un modo per gustare l’arte attraverso il palato, passando per la vista, l’olfatto e anche il tatto.

È quello che è accaduto in occasione della mostra di Van Gogh a Milano, L’uomo e la terra.

Nell’ambiente caldo e accogliente di Isa e Vane, Paola ci ha regalato un piatto ispirato alla poetica dell’artista: uomo e natura, tra fatica e bellezza.

L’opera “Paesaggio con covoni di grano e luna che sorge”, ha suggerito l’originale e prelibata zuppa di zucca e pere al curry con chips di patate e zucchine, che verrà pubblicata in esclusiva nella rubrica di Vanity Fair.

Un momento singolare, dove sperimentazioni culinarie, sorrisi, calore umano hanno reso tutto perfetto, grazie anche alle straordinarie padrone di casa Isa e Vane.

http://www.soup-opera.com/

http://www.isaevane.com/

Ph Giorgio Liddo

©Riproduzioneriservata.